Cacio a cavallo di un uovo in camicia

crostini con uovo in camicia e cacio

È il contest che si intitola così: il cacio a cavallo. Allora, siccome ho appoggiato una fetta di formaggio su un uovo in camicia, appoggiato su un crostino di pane, direi che ho letteralmente messo il cacio a cavallo, in questo caso di un uovo dal cuore fluido, su una base croccante di pane tostato.

Il formaggio fonde nel forno avvolgendo il crostino con l’uovo che mantiene la sua morbidezza, insomma, una bontà! Di una semplicità quasi vergognosa. Fare l’uovo in camicia non è affatto un lavoro da acrobati, basta fare attenzione, come vi spiego più sotto. La prima volta che mi sono cimentata, ero così in ansia da studiarmi manuali di alta cucina, istruzioni in internet, video tutorial e tutti i consigli degli esperti. Il primo mi è venuto meraviglioso!! Poi abbassi la guardia, tratti l’argomento con sicurezza e sufficienza e … tracchete! Fallisci miseramente. L’esperienza aggiunge sicurezza alla manualità, per cui non arrendetevi al primo, eventuale, fiasco.
Servite questi crostini come antipasto ad una cena, anche importante. Potete preparare la teglia con un certo anticipo e infornare al momento di andare a tavola. Inizierete con una portata semplice ma di un certo effetto.

caciocavallo e uova in camicia

Per ogni crostino:
• 1 fetta di pan carré
• 1 uovo
• 1 fetta di cacio cavallo
Ne ho preparati 4, quindi
• 4 fette di pan carré (fatelo in casa, che è una bontà. Qui la ricetta)
• 4 uova
• 120 g di caciocavallo
• Sale, pepe, aceto di vino bianco

Tostate leggermente le fette di pane poi, con un coppapasta ricavate un cerchio da ogni fetta e appoggiatelo sul fondo di una pirofila da forno. Affettate anche il caciocavallo e ricavatene la stessa forma. Io avevo comprato uno spicchio, un quarto di forma grande, quindi avevo delle fette triangolari che ho adattato sovrapponendone due.
Veniamo alle uova in camicia.
Non è un’impresa difficile come può sembrare, basta fare attenzione ad alcuni accorgimenti. Le uova devono essere a temperatura ambiente, il pentolino deve essere di proporzioni adeguate (diciamo diam.15 cm. circa, acqua fino a ¾) , l’acqua deve solo sobbollire. Procedete facendo cuocere un uovo alla volta.
Quando l’acqua inizia appena a bollire, salate e aggiungete un cucchiaino di aceto bianco, rompete l’uovo su un piattino e versatelo al centro del pentolino. Molti dicono di muovere l’acqua con un cucchiaio creando un piccolo vortice al centro nel quale far scivolare l’uovo. Ecco, a me non viene e quindi preferisco lasciare l’acqua “piatta”. Voi provate.
L’albume si disperderà nell’acqua, con un cucchiaio cercate di raccoglierlo delicatamente intorno al tuorlo, come per ricoprirlo ma senza toccare il tuorlo per non romperlo. Trascorsi 3 minuti (non un secondo di più) scolatelo con una schiumarola e appoggiatelo su di un piatto. Eliminate dall’acqua eventuali residui di albume, riportate a bollore e procedete così con le altre uova.
Con molta delicatezza recuperate le uova dal piatto in cui le avete fatte scolare e appoggiatele sui crostini di pane nella pirofila. Salate leggermente e pepate generosamente. Ricoprite ogni uovo con le fette di caciocavallo e passate in forno caldo a 180°c per una decina di minuti. Serviteli subito ben caldi.
Ve lo devo dire quanto sono buoni?

uovo in camicia su crostino e caciocavallo

Con questa ricetta partecipo al contest di Cranberry del blog Cappuccino e Cornetto in collaborazione col caseificio La Tramontina – IL CACIO A CAVALLO – nella categoria Piatto delle feste

bannerpiccolo

You might also like

Comments (5)

  • Cranberry 4 anni ago Reply

    benissimo! La ricetta è carina, però più che in panini, la vedrei come piatto per le feste, tipo un antipasto.
    Il panino, per sua natura dovrebbe essere fatto da due fette di pane con qualcosa in mezzo, o cmq due sottili strati con una farcitura 😛
    Che ne pensi?
    Se va bene, cambiamo categoria e l'aggiungo alla lista^_^
    Intanto ti ringrazio per aver partecipato.

    ideeinpasta 4 anni ago Reply

    perfetto Cranberry! in realtà nasce come un antipasto, ma temevo che non fosse abbastanza elegante per essere considerato "piatto delle feste"
    grazie mille!!

  • carmencook 4 anni ago Reply

    Ho da poco finito di cenare e la sola vista dei tuoi crostini mi ha nuovamente risvegliato l'appetito!!
    Davvero una gran bella idea Cecilia, complimenti!!!
    Un mega abbraccio e buona serata
    Carmen

    ideeinpasta 4 anni ago Reply

    Grazie Carmen, anche a me torna l'appetito anche a stomaco pieno!!
    un bacio, ciao!!

  • Lorenzo 4 anni ago Reply

    Ben lavorato e risultato gustoso, molto bene.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.