Cosciotto di Tacchino ripieno, come se fosse Thanksgiving

tacchino ripieno di pane

Come riempire un cosciotto di tacchino

Avete presente i mega tacchini ripieni che vediamo portare in tavola in film e telefilm americani per il giorno del Ringraziamento? Mi fanno sempre una gran voglia di provare a farli, con tutti gli annessi e connessi, salse, contorni e quant’altro c’è di tipico per il Thanksgiving. Ma come si fa? siamo solo in due e anche invitando gente credo che un tacchino intero mi basterebbe per diverse cene, la casa è piccola e forse non entrerebbe nemmeno nel forno!! 

Allora ho optato per una versione ridotta, un semplice cosciotto che ho disossato (sì, l’ho fatto, disossato, farcito e cucito a puntino come nemmeno io credevo sarei stata in grado di fare) e riempito con la farcia tipica di pane, sedano, cipolla e salvia. Ovviamente, date le dimensioni ridotte del pezzo di carne, la quantità di ripieno è piuttosto scarsa ma ne ho comunque preparato in più per servirlo come contorno. Il pane nel ripieno si ammorbidisce in cottura mentre quello che teniamo da parte, una volta riscaldato, diventa croccante ed è ottimo come sostituto del pane in tavola.

Completa l’opera l’immancabile salsa di mirtilli (ho pubblicato la ricetta qualche giorno fa, la trovate QUI), davvero perfetta per questo tipo di pietanza. Con poco sforzo e tanta soddisfazione possiamo portare in tavola una perfetta cenetta americana in stile “Thanksgiving”, perchè qualcosa di cui essere grati ce l’abbiamo di sicuro.

Tacchino farcito arrosto

Cosciotto di Tacchino ripieno, come se fosse Thanksgiving

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 coscia di tacchino di almeno 1,1/1.3 kg.
  • 150 g di pane in cassetta 
  • 60 g di burro
  • 30 g di cipolla tritata
  • 50 g di sedano tritato
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 macinata di pepe
  • qualche foglia di salvia

per la glassa:

  • 1 mela
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero
  • olio e.v.o. e sale q.b.

Procedimento:

  1. Preparate il ripieno facendo appassire la cipolla e il sedano tritati in una casseruola con un filo d’olio extra-vergine. Quando saranno morbidi aggiungete il sale, il pepe e la salvia spezzettata ed infine il pane tagliato a cubetti.
  2. Lasciate insaporire per una decina di minuti poi spegnete il fuoco e tenete da parte.
  3. Disossate la coscia di tacchino incidendo la carne sul lato in cui l’osso è più vicino all’esterno. Con un coltello affilato staccate la carne intorno all’osso ed eliminate le cartilagini.
  4. Riempite la coscia con la farcia, ne basterà meno della metà, e ripiegate la carne verso l’interno, facendo combaciare i lati. Cucite con un ago da cucina e disponete l’arrosto in una pirofila leggermente unta. Infornate in forno preriscaldato a 180°C per almeno 45 minuti, girando l’arrosto di tanto in tanto e bagnandolo con un pochetto d’acqua calda se dovese attaccarsi al fondo.
  5. Nel frattempo sbucciate la mela e tagliatela a pezzi. Cuocetela in un tegamino con un filo d’olio e.v.o. finchè non sarà quasi squagliata poi aggiungete un pizzico di sale e lo sciroppo d’acero.
  6. Frullate col minipimer per avere una salsa liscia e versatela sulla carne e continuate la cottura per una mezz’oretta ancora (dipende dalle dimensioni dell’arrosto)
  7. Verificate la cottura dell’arrosto con un termometro, la temperatura al cuore dovrà essere di 75°C .
  8. Una volta cotto, sfornate il cosciotto e lasciatelo riposare una decina di minuti.
  9. Nel frattempo scaldate la farcia di pane rimasta e servitela come accompagnamento.
  10. Affettate il cosciotto e servitelo irrorato con un cucchiaio di fondo di cottura, accompagnato da un cucchiaio di pane croccante e un cucchiaio di salsa di mirtilli    

come cucire una coscia di tacchino ripiena

Note:

Non preoccupatevi se la quantità di sale aggiunta al pane per il ripieno vi sembra molta. La sapidità del ripieno passerà alla carne rendendola succulenta

Fare il tacchino come per il Thanksgiving

Farcire la coscia del tacchino è facile

You might also like

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.