Canestrelli

I Canestrelli sono biscottini tipici della Liguria, dalla caratteristica forma a fiorellino con foro al centro e sono i più friabili che io conosca. Ne andavo ghiotta da ragazzina, erano l’up-grade dei frollini classici che si trovavano in commercio allora, ovvero la versione de luxe della merenda, quelli che ti potevi concedere per qualche occasione speciale. Mia mamma li comprava in una confezione trasparente, col cestello di plastica nel quale, alla fine della scorpacciata, rimaneva una tonnellata di zucchero a velo finissimo. Che bontà!

Non ci crederete ma in casa non li avevo mai fatti! Avevo una vecchia ricetta di mia mamma per biscotti con le uova sode ma lei li tagliava semplicemente rettangolari con la rotella della pasta e non li inondava di zucchero a velo quindi io non li avevo mai collegati ai Canestrelli, pur trovandoli assolutamente deliziosi. Ricetta poi caduta in disuso, andata persa e buonanotte, ho poi sfornato biscotti in quantità ma mai questi.

Direi che è ora di correre ai ripari e realizzare questi frollini deliziosi, che hanno la particolarità di essere fatti coi tuorli delle uova sode, assolutamente facilissimi da fare in casa.

Potete far rassodare le uova intere come si fa normalmente e usare gli albumi in insalate o dove vi piacciono. Io non amo molto gli albumi sodi quindi faccio cuocere solo i tuorli per questa preparazione e tengo gli albumi freschi da utilizzare in altri dolci (se volete, cliccando qui c’è qualche idea su come utilizzare gli albumi)

frollini con uova sode

Canestrelli

Ingredienti:

  • 230 g di farina 00
  • 120 g di fecola di patate
  • 130 g di zucchero a velo
  • 270 g di burro morbido
  • la scorza grattugiata di un limone bio
  • 6 tuorli sodi
  • un pizzico di sale
  • altro zucchero a velo per spolverare 

Procedimento:

  1. Per cuocere solo i tuorli delle uova io li divido dagli albumi, li distribuisco nelle impronte dei cubetti del ghiaccio e li metto in freezer per almeno mezz’oretta. Poi metto a bollire un pentolino d’acqua e verso i tuorli semicongelati così non si rompono
  2. Lavorate con le fruste elettriche (o con la foglia se usate la planetaria) il burro morbido con lo zucchero a velo, il sale e la scorza del limone grattugiata finemente, fino ad ottenere un composto liscio e cremoso.
  3. Passate al setaccio i tuorli sodi ancora tiepidi, cercando di ottenere una polpa il più fine possibile per evitare che nei biscotti si distinguano poi dei puntini gialli
  4. Aggiungete la pasta di tuorli al composto di burro e zucchero e continuate a mescolare per amalgamere bene il tutto
  5. Setacciate farina e fecola e aggiungetele al composto precedente in un colpo solo. Lavorate l’impasto quel tanto che basta per amalgamare gli ingredienti.
  6. Trasferite l’impasto, che risulterà più morbido di una classica pasta frolla, sulla spianatoia leggermente infarinata, formate una palla, appiattitela e mettetela in frigo, ricoperta di pellicola, per almeno un paio d’ore.
  7. Togliete la pasta dal frigo e manipolatela leggermente per ammorbidirla. Tirate una sfoglia piuttosto sottile col mattarello e iniziate a tagliere i biscotti. Se avete lo stampino apposta per i canestrelli tanto meglio, io non lo avevo e ne ho usato uno a forma di fiore (pure un po’ più grande del dovuto) e ho poi ricavato il buco centrale con un beccuccio tondo. 
  8. Posizionate i biscotti sulla placca rivestita di carta forno, rilavorate i ritagli di pasta fino ad esaurimento.
  9. Accendete il forno a 160°C e mettete i biscotti in frigo per 20 minuti almeno. Cuoceteli poi per altri 20 minuti, devono essere appena dorati, senza scurire.
  10. Spolverizzate di zucchero a velo, facendo attenzione a maneggiarli solo quando saranno ben freddi, sono fragilissimi.

 

You might also like

Comments (2)

  • Alice 3 mesi ago Reply

    Ceci <3 sai che sono i miei biscotti preferiti?
    Li devo rifare prestissimooooooo, queste foto fanno venire voglia! un bacio

  • Cecilia Concari 3 mesi ago Reply

    Grazie Ali 😊 aspetto di vedere i tuoi allora. Baci!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.