Bagel di Gerusalemme

Bagel di Gerusalemme

Immagino cosà dirà chi mi conosce leggendo Bagel di Gerusalemme: ecco, adesso che è stata in Israele non fa altro che presentare ricette di cose strane che ha mangiato là, con quegli ingredienti impronunciabili che ha comprato là. E invece il mio recente viaggio laggiù non c’entra un fico secco (tanto per rimanere in tema !)
Questa è la proposta Re-Cake per il mese di novembre, che mi ha molto piacevolmente sorpresa perché capitata proprio a fagiolo! Obbligatorio partecipare, quindi ma obbligatorio provare questi panini anche se Gerusalemme e il medio-oriente sono l’ultimo dei vostri pensieri.
A differenza dei più conosciuti Bagel di New York, quelli rotondi che si trovano molto anche nell’Europa del Nord, che vanno bolliti prima di passare al forno, questi vanno infornati direttamente. E già avere un passaggio in meno sarebbe sufficiente per cimentarsi ma, oltre a questo, dobbiamo dire che sono più leggeri e davvero sorprendenti per il gusto.
Usateli pure come pane normale a tavola ma li renderete perfetti per un antipasto se li accompagnerete a salsine tipiche come hummus (ho appena postato la ricetta qui) o Babaganoush. Semplicemente olio extravergine e un po’ di za’atar saranno perfetti. Lo za’atar è un mix di spezie (timo, sesamo, sommaco, sale e altri aromi come origano, cumino ecc.. a seconda delle zone) che ho acquistato in quantità e che metto quasi dappertutto adesso, ma qui è proprio la morta sua!


Bagel di Gerusalemme

Ingredienti per 6 bagel:

• 500 g farina 00
• 2 cucchiai zucchero
• 2 cucchiaini sale
• 375 ml latte tiepido
• 4 g lievito di birra secco (la ricetta diceva 7 g – io ho allungato i tempi di lievitazione)
• 1 cucchiaino lievito per dolci
• Olio extravergine di oliva q.b.
• 90 g semi di sesamo (io ho usato un mix di semi chiari e dorati)
• Acqua q.b.

Procedimento:

  1. Mettete la farina, lo zucchero, il latte, il lievito di birra e quello per dolci in una ciotola, grande se lavorate a mano o in quella della planetaria o impastatrice se preferite (io ho preferito). Impastate il tutto a media velocità, aggiungete il sale quando l’impasto inizia a formarsi e proseguite per un paio di minuti, fino ad ottenere una palla.
  2. Ungete l’impasto con poco olio, coprite la ciotola con un canovaccio e fate lievitare per circa un paio d’ore o fino al raddoppio.
  3. Quando l’impasto sarà raddoppiato, capovolgetelo sulla spianatoia leggermente infarinata e dividetelo in sei parti uguali. Prendete un pezzo di impasto e formate una pallina, affondate il pollice al centro della pallina e spingete per creare un foro. Allungate poi l’impasto verso l’esterno fino a creare un ovale di circa 15cm di lunghezza, non abbiate paura di allargare troppo gli anelli, i miei, infatti, si sono richiusi un po’ troppo in cottura.
  4. Procedete allo stesso modo con gli altri pezzi di impasto e lasciate riposare i bagel per 15 minuti.
  5. Preriscaldate il forno a 190ºC, quindi rivestite due teglie dai bordi bassi con carta forno. Procuratevi una ciotola con l’acqua e una con i semi di sesamo.
  6. Prendete i bagel e passateli velocemente nell’acqua e poi nel sesamo per ricoprirne la superficie. Rimettete i bagel in forma allargando ancora il foro centrale e sistemateli nelle teglie, fate riposare per altri 10 minuti.
  7. Cuocete i bagel in forno caldo per circa 18/20 minuti al massimo, ruotando le teglie ogni tanto affinché cuociano uniformemente, oppure, come ho fatto io, cuocete le teglie separatamente visto che i tempi di cottura sono piuttosto brevi.
  8. Quando sono belli dorati, sfornate i bagel e, se resistete, fateli intiepidire prima di mangiarli.
  9. Serviteli tiepidi o a temperatura ambiente come vi consiglio nell’introduzione, ma sono ottimi anche sbocconcellati da soli.

Fare in casa i bagel di gerusalemme

Come quasi tutti i pani, anche i bagel sono ideali mangiati il giorno stesso. Potete tranquillamente congelarli e poi passarli un attimo in forno dopo averli scongelati, saranno perfetti!


panini al sesamo

Ecco la locandina ufficiale

locandina re-cake bagel

 

You might also like

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.