Hot cross buns ai mirtilli

panini dolci pasquali

Premetto che ho commesso un paio di errori, di cui mi sono accorta subito, anche perché sono belli evidenti, ma ho proseguito lo stesso come se niente fosse e senza troppa vergogna pubblico pure le foto di questi  Hot cross buns ai mirtilli

Il primo è il decoro a croce, ho fatto una pastella troppo liquida (non rispettando la ricetta) quindi manca totalmente di precisione e definizione. Il secondo è l’uso di una teglia troppo piccola per cui i panini, non solo si sono toccati, ma si sono compressi fra loro perdendo completamente la forma del panino che dovrebbe essere più tonda. Alla prossima occasione farò tesoro dei miei errori e verranno perfetti! Insomma, dai, l’importante è che siano buoni e certo questi lo sono. Ho messo i mirtilli al posto dell’uvetta, è sufficiente per farmi perdonare?

La ricetta è quella di Stefania Nuvole di Sapori; oltre all’aggiunta di mirtilli ho sostituito la marmellata per lucidare i panini con golden syrup, per il resto credo di essere stata fedele, se non ricordo male.

Nei paesi anglosassoni si preparano questi panini dolci per il Venerdì Santo ma nulla vieta di gustarli tutto l’anno; a colazione sono ottimi farciti con marmellata ma li possiamo anche portare sulla tavola di Pasqua, al posto della colomba, considerato quanto sarà strano quest’anno celebrare in quarantena.

hot cross buns panini dolci

Hot cross buns ai mirtilli

Ingredienti per 12 buns:

  • 250 g farina tipo 00
  • 250 g di farina Manitoba
  • 300 ml di latte
  • 60 g di burro a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 60 g zucchero semolato
  • 5 g di lievito di birra secco
  • 1 uovo medio
  • 80 g di mirtilli disidratati
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 15 ml di latte

Per la decorazione:

  • 50 g Farina
  • 10 g zucchero a velo
  • 25 g acqua calda
  • 2 cucchiai di golden syrup o sciroppo d’acero o miele
  • 1 cucchiaio acqua bollente

Procedimento:

  1. Mettete in ammollo i mirtilli disidratati in acqua tiepida, quel tanto che basta a coprirli.
  2. Setacciate le farine nella ciotola della planetaria, aggiungete il lievito, il latte e l ‘uovo a temperatura ambiente ed iniziare ad impastare a minima velocità.
  3. Aggiungete lo zucchero, la cannella in polvere ed il sale. Lavorate fino ad ottenere un impasto omogeneo ed infine incorporate il burro morbido, un pezzo per volta.
  4. Quando l’impasto sarà liscio e ben incordato, ovvero si staccherà dalle pareti, scolate i mirtilli e aggiungeteli all’impasto, incorporateli riducendo la velocità.
  5. Trasferite l’impasto sul piano di lavoro e formate una palla. Sistematela in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e fate lievitare fino al raddoppio.
  6. Terminata la prima lievitazione, rirendete l’Impasto e dividetelo in 12 porzioni della stessa misura (saranno circa 85/90 g l’una). Formate delle palline con ogni porzione, tenendo la chiusura nella parte inferiore fatele leggermente rotolare sotto il palmo della mano.
  7. Disponete le palline così ottenute in una teglia ricoperta di carta forno, distanziate fra loro di circa 2 cm.
  8. Fate lievitare ancora finchè le palline si toccheranno.
  9. Nel frattempo portate il forno a 180°C, modalità statica.
  10. Spennellate la superficie delle palline col tuorlo d’uovo miscelato ai 15 ml di latte.
  11. In una ciotolina amalgamate la farina con lo zucchero a velo e l’acqua bollente, trasferite in un sac-à-poche e decorate la superficie con linee verticali al centro dei panini, poi eseguite le linee orizzontali.
  12. Infornate la teglia per circa 30 minuti. Nel frattempo diluite leggermente lo sciroppo con un cucchiaio di acqua calda.
  13. Appena i buns sono cotti togliete la teglia dal forno e lucidateli con lo sciroppo.

Note

  • Consumateli caldi, possibilmente entro il giorno stesso. Potete conservarli anche un paio di giorni chiusi in una foglio d’alluminio o congelarli e farli riscaldare un attimo prima di consumarli.

blueberry hot cross buns

You might also like

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.