Marmellata di mandarini

marmellata di mandarini fatta in casa

La marmellata di mandarini è forse la più buona che io abbia mai fatto. Adoro anche quella di arance o di fragole con tutte le varianti, ma questa, oltre al sapore, ha un profumo unico. Vi propongo due metodi per realizzarla; ho voluto provarli entrambi essendo la prima volta per me, per capire se ce ne fosse uno migliore.

I mandarini devono essere bio/non trattati in entrambi i casi e potete sempre aggiungere i semini di una bacca di vaniglia per aggiungere profumo. Ognuno dei due sistemi ha il suo perché, ora vi spiego in cosa differiscono così potete scegliere quello che fa per voi.

Metodo 1

Si usano i mandarini con tutta la loro buccia, vanno tagliati a metà per eliminare i semi e fatti macerare per una notte nello zucchero (o di giorno comunque almeno 10/12 ore). Durante la cottura vanno frullati per rendere la consistenza più liscia.

Metodo 2

Qui i mandarini vanno sbucciati, metà bucce vengono gettate e le altre fatte cuocere. Una volta eliminati i semini la polpa deve macerare nello zucchero per un paio d’ore poi va cotto tutto insieme, polpa e scorze tagliuzzate. La consistenza rimane meno omogenea, si distinguono le scorze dalla polpa e il colore rimane più chiaro.

Conclusioni

Col secondo metodo c’è un inutile spreco di bucce buone e anche di tempo per pelare i mandarini e tagliare le scorzette. Il primo metodo, di contro, richiede un tempo di riposo più lungo. Dipende quindi da quanto tempo avete a disposizione e da che tipo di consistenza preferite. Alla fine dell’opera io ho frullato pure la seconda marmellata quindi avete già capito qual è il mio procedimento preferito. Nelle foto, purtroppo, vi mostro solo la marmellata realizzata col primo metodo visto che poi l’aspetto è risultato quasi uguale anche per la seconda.

marmellata di mandarini fatta in casa

Marmellata di mandarini (2 metodi)

Metodo 1

Ingredienti

  • 1 kg di mandarini bio
  • 700 g di zucchero semolato
  • Il succo di 1 limone

marmellata di mandarini con le bucce

Procedimento:

  1. Lavate i mandarini, metteteli in una pentola con acqua fredda e fateli cuocere per circa 15 minuti da quando l’acqua inizia a bollire. Scolateli e fateli raffreddare.
  2. Tagliateli a metà come se doveste spremerli ed eliminate i semini. Fate questa operazione su un colino o uno scolapasta appoggiato sopra una pentola in modo da raccogliere il succo mentre lavorate.
  3. Mettete polpa a scorze dei mandarini nella pentola, coprite con lo zucchero e lasciate macerare per 10/12 ore o tutta la notte.
  4. Trascorso il tempo mettete la pentola sul fuoco, aggiungete il succo di limone e fate cuocere la frutta per mezz’ora circa o fino a quando inizia a spappolarsi. Frullate con un frullatore a immersione e rimettete a cuocere fino a quando la consistenza non sarà abbastanza soda (ricordatevi che raffreddando poi si addenserà)
  5. Nel frattempo sterilizzate dei vasetti perfettamente puliti in forno a 100°C per 20/30 minuti.
  6. Invasate la marmellata ancora calda, tappate i vasetti e capovolgeteli sul piano della cucina per creare il sottovuoto. Raddrizzateli dopo 15/20 di minuti badando che la capsula non faccia “clic” schiacciandola al centro, in quel caso rimettete il vasetto a testa in giù e aspettate ancora un po’.
  7. Sistemate in dispensa i vasetti etichettati con data e contenuto e aspettate almeno una settimana prima di consumarli.

Metodo 2 (con metà bucce)

Ingredienti

  • 1 kg di mandarini bio
  • 600 g di zucchero semolato
  • Il succo di 1 limone

come fare in casa la marmellata di mandarini

Procedimento:

  1. Lavate i mandarini e sbucciateli. Eliminate tutti i filamenti bianchi e i semini tagliando i mandarini a metà come se li doveste spremere.
  2. Cuocete metà delle bucce (l’altra metà la potete buttare) per circa 10/15 minuti o fino a quando saranno tenere. Scolatele e tagliatele a coltello a striscioline e poi a pezzetti.
  3. Coprite la polpa con lo zucchero e lasciate macerare per almeno un paio d’ore.
  4. Mettete polpa e scorzette sul fuoco col succo di limone e fate cuocere finchè la marmellata non avrà raggiunto una consistenza gradevolmente densa.
  5. Procedete come dal punto n. 5 del procedimento precedente

marmellata di agrumi

Se vi piace fare marmellate in casa, potete trovarne anche qui:

https://www.ideeinpasta.com/tag/marmellate-conserve

https://www.ideeinpasta.com/category/dolci-dessert/creme-marmellate

You might also like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.